Business


Partita Iva per Twitch

15 aprile 2021

143

Il lavoro dello streamer può essere considerata l'evoluzione dello Youtuber, infatti prevede la creazione di contenuti video in diretta attraverso un'apposita piattaforma. Attraverso questo breve articolo scoprirai tutti gli adempimenti necessari creare la tua partita iva per twitch.

Serve aprire Partita Iva?

Il lavoro del Twitcher normalmente viene retribuito attraverso l'emissione di una fattura, da parte dello stesso, nei confronti della piattaforma. Tuttavia, fino a quando il lavoro sarà occasionale ed episodico, non sarà necessario aprire partita Iva, in quanto lo stato Italiano permette, in questo caso, di emettere una ricevuta da prestazione occasionale (20% va versato ai fini Irpef).

Per riuscire ad orientarti, considera che più la cifra incassata aumenta più la tua attività è probabile che stia diventando stabile e continuativa, di conseguenza una volta raggiunti € 5.000 di guadagno sarà necessaria l'apertura di Partita Iva.

Come si apre Partita Iva?

La Partita Iva è molto semplice da richiedere, basta infatti inviare una comunicazione all'Agenzia dell'Entrate in cui si richiede l'attribuzione della Partita Iva riferita alla tua persona fisica. Sarà inoltre necessario inviare una comunicazione al comune in cui avrà sede l'attività e l'iscrizione in Camera di Commercio. Noi de La Tua Contabilità effettuiamo queste operazione per i nostri clienti, se sei interessato e vuoi avere maggiori informazioni, compila il form sottostante per ottenere una consulenza gratuita.

Richiedendo la consulenza dichiari di aver accettato l'informativa sulla privacy

Codice Ateco per lo streamer

La Partita Iva va inquadrata, uno degli strumenti che hai a disposizione per farlo è il codice Ateco, ovvero una sequenza numerica che indica il tipo di attività che svolgi. Nel caso dell'attività del Twitcher il codice Ateco che si avvicina di più è il seguente: 59.11.00 – Attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi. Tuttavia, se la tua attività da streamer si distingue in qualche modo è possibile utilizzare un codice ateco differente.

La scelta del regime fiscale

La scelta del regime fiscale è importantissima, rappresenta la base su cui costruire tutta la realtà aziendale. Il regime fiscale determinerà il costo di gestione, la tassazione e la burocrazia della tua Partita Iva. Il migliore regime per iniziare, in questo caso, è il regime forfettario. Questo particolare regime permette un notevole risparmio fiscale, infatti per i primi 5 anni pagherai solamente il 5% di imposte sul reddito, sarai esente da IVA, esterometro e indici ISA.

Ci sono dei limiti per rimanere all'interno del regime forfettario che, una volta superati, obbligano a cambiare regime. I limiti sono rappresentati dal fatturato che non deve superare i € 65.000 annui, i costi per lavoro dipendente che non deve superare i € 20.000 annui.

Contributi Inps per Twitch

Lo streamer che effettua la creazione di contenuti in diretta online per la è tenuto ad iscriversi alla Gestione Inps Commercianti ed Artigiani per versare i contributi che gli permetteranno, in futuro, di percepire pensione. Il versamento ammonta a circa il € 3.800 l'anno divisi in 4 rate, superando € 16.000 di reddito si dovrà versare, in sede di dichiarazione dei redditi, ulteriori contributi, in particolare il 24% della parte eccedente i € 16.000 del reddito. Inoltre aderendo al regime forfettario si potrà usufruire di una riduzione dei contributi Inps del 35%.

Davide Giovanni La Francesca

Consulente Tributario

Laureato in Economia Aziendale presso Università di Pisa, studente magistrale in Scienze Economiche. Dal 2020 Consulente Tributario e Consulente Fiscale presso lo Studio La Francesca.



Compila il form per avere una consulenza gratuita e per ottenere gratuitamente il nostro ebook con cui potrai scoprire come risparmiare in termini di tassazione, sia in sede di apertura della tua partita Iva che durante la fase gestionale.

Richiedendo la consulenza dichiari di aver accettato l'informativa sulla privacy


Domande Frequenti

  • Il servizio può essere erogato online?

    Si, il nostro servizio nasce per essere offerto online. Oggi tutti gli adempimenti fiscali sono gestiti in maniera telematica. Con la nostra piattaforma avrai la possibilità di scaricare tutta la tua documentazione e di scambiare tutti i documenti necessari. I quesiti fiscali potrai porli via chat o telefono al tuo consulente dedicato. Di conseguenza risparmierai molto tempo, non dovrai spostarti e avrai tutto a portata di click.

  • Come faccio ad iniziare?

    Puoi iniziare compilando il form di contatto, sarai contattato entro un giorno lavorativo dal un consulente, concorderete insieme una consulenza gratuita.

  • Posso vedere i miei costi, ricavi, incassi e pagamenti in tempo reale?

    Si, se sceglierai di utilizzare la nostra piattaforma di fatturazione potrai osservare in tempo reale tutti i dati della tua azienda. Se invece preferisci utilizzare un’altra piattaforma ti invieremo, con una cadenza concordata, un riepilogo economico della tua partita iva.

  • La Tua Contabilità è una piattaforma di gestione della Partita Iva?

    No, La Tua Contabilità è una piattaforma dello Studio La Francesca. Avrai a disposizione diversi spazi ed aree in cui visionare i dati della tua azienda, occuparti della fatturazione, scambiare i documenti con il tuo consulente e molto altro. Tuttavia, non sarai abbandonato a te stesso, il consulente a te assegnato, oltre ad occuparsi della tenuta della contabilità e delle consulenze, ti conoscerà e seguirà sempre la tua situazione.

  • Come posso parlare con il mio consulente?

    Al momento dell’inizio della collaborazione con lo studio ti verrà assegnato un consulente che ti guiderà in tutto il tuo percorso, si occuperà di tutti tuoi adempimenti fiscali, la tenuta della contabilità e delle consulenze. Potrai contattarlo via chat attraverso la tua area riservata, via chat whatsapp, via telefono e attraverso Zoom.

  • La Tua Contabilità – 01841060815 – Cookie & Privacy